Microplastiche nell’acqua

Cosa sono, come difendersi

Le microplastiche sono quelle piccole particelle di plastica di una grandezza che va dai 330 micrometri e i 5 millimetri e che, come ormai tutti sappiamo, inquinano e affollano i nostri mari e oceani. Oltre ad essere estremamente nocive per l’intero habitat marino e per l’intero ecosistema, sono pericolose anche per la stessa salute umana.

La plastica è centenaria

La cosa più inquietante è che la plastica è un materiale che impiega tantissimi anni a degradarsi, questo comporta che permane nelle acque per tantissimo tempo, tempo in cui purtroppo viene ingerita in moltissimi animali marini provocandone la morte e persino l’estinzione. Le microplastiche sono dei frammenti derivanti dalle plastiche prime, ovvero i polimeri più grandi, che quando raggiungono il mare si disciolgono in pezzetti sempre più piccoli a causa di molti fattori come i raggi ultravioletti, il vento, le onde, i microbi e le temperature. Ovviamente le tempistiche di frammentazione di queste plastiche variano a seconda della loro natura: non dimentichiamo che molti frammenti sono derivanti da plastiche già in principio trattate proprio per resistere a numerosi agenti esterni e che quindi ritardano ancora di più la loro degradazione.

Secondo alcuni studi possiamo dirvi che le microplastiche sono l’8% della massa totale di plastica dispersa in mare, ma ben il 94% dei 1.800 miliardi di pezzi che fluttuano sugli oceani. Le microplastiche si stanno accumulando ad un ritmo velocissimo, basti pensare infatti che negli anni Settanta se ne raccoglievano 0,4 Kg per chilometro quadrato, oggi si è arrivati a 1,23 Kg per chilometro quadrato.

Dai mari e gli oceani al rubinetto di casa!

Il programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep) ha collocato il problema della plastica nei mari e negli oceani tra le sei emergenze ambientali più gravi; ogni chilometro quadrato di oceano infatti contienein media 63.320 particelle di microplastica, e se il problema non viene almeno contenuto a breve, si stima che entro il 2050 ci sarà più plastica che pesce nei nostri mari. Ma dal mare ai nostri bicchieri è davvero poco tempo, secondo alcuni studi e analisi effettuate, si è riscontrata la presenza di queste microplastiche anche nei nostri rubinetti, proprio a dimostrare come la contaminazione sia in realtà globale e un altro problema rilevante è che ancora non si conoscono gli effetti sulla salute umana. A fronte di tutto questo viene ancora più spontaneo cambiare atteggiamento, abbandonare l’uso della plastica e preferire i servizi di erogazione dell’acqua, che grazie ad apparecchiature controllate ed efficienti permettono di filtrare l’acqua e garantire un prodotto sano e sicuro per la nostra salute. La nostra azienda Aurora D’Agostino è attiva nella battaglia contro l’uso di plastica monouso e da anni mette a disposizione dei suoi clienti un catalogo assortito di erogatori domestici e professionali dedicati a ristoranti, bar e alberghi. Potrete usufruire di acqua sempre fresca, sia naturale che gassata, con elevate qualità organolettiche ed estremamente sicura per il consumatore finale. Scoprite le nostre numerose e vantaggiose offerte visitando il nostro sito per scoprire tutti i prodotti, e non esitate a contattarci per maggiori informazioni compilando il form sul nostro sito, inviando un’email all’indirizzo info@auroradagostino.it oppure chiamandoci al numero 0967 521388.

12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *